Una conferenza sull’ “Arte Tradizionale e gli artigiani dell’incisione e lavorazione della pietra”, è stata organizzata dall’Associazione Regionale dei Comuni d’ Epiro (Epirus PED) nell’ambito del progetto intitolato “La Pietra e la Tradizione” del Programma Europeo di Cooperazione Territoriale “GRECIA - ITALIA 2007 -2013”.


La conferenza si è tenuta il 31 Marzo 2014, Lunedì, alle 17.30 pm., nell’Aula di Giustizia della Camera Tecnica Greca, in via Aravantinou, n. 6-8 a Ioannina.


La conferenza si è tenuta allo scopo di conservare e promuovere l’arte degli intagliatori in pietra, per rafforzare la cooperazione e gli scambi transfrontalieri, ed aumentare le visite nella zona. Lo scopo è stato, inoltre, di scambiare le tecniche per migliorare e diffondere tale arte tradizionale, come la lavorazione e l’intagliamento della pietra, che si sono perse col passare del tempo.

L’ Associazione Regionale dei Comuni d’ Epiro (PED d’ Epiro) ha organizzato un festival di due giorni sul tema: “La cultura della pietra nell’ Epiro”, che fa parte del progetto chiamato “La Pietra e la Tradizione” del Programma Europeo di Cooperazione Territoriale “GRECIA - ITALIA 2007-2013”.


Il festival si è tenuto Venerdì 4 e Sabato 5 Aprile 2014, nella “Sala delle Conferenze e dell’ Arte Dimitrios Hatzis” nel campus Universitario di Ioannina.


Il programma del Festival comprendeva, tra l’altro, dei canti sulla pietra ad opera del Gruppo Polifonico “Inoro”, una selezione di canti sulla tradizione della pietra ad opera del gruppo di ballo dell’ Associazione di Zagori a Ioannina, dei giochi visivi popolari e tradizionali da parte del gruppo teatrale del Centro delle Attività Creative “RODA” di Ioannina, delle tavole rotonde sugli argomenti “Dall’arte dei tagliapietre alle creazioni contemporanee” e “L’Eredità della Pietra come volano per la crescita del turismo e dell’occupazione”, l’assemblaggio di costruzioni in pietra senza malta ad opera di artigiani ed altri eventi.


Lo scopo del festival, ma anche degli atti in generale del Progetto, è stata la conservazione e la promozione dell’ arte dei tagliapietra, il rafforzamento della cooperazione e degli scambi transfrontalieri, e l’aumento delle visite nella zona. Lo scopo è stato, inoltre, quello di scambiarsi le tecniche per migliorare e diffondere tale arte tradizionale, come quella della lavorazione e dell’intaglio della pietra, che si è persa col passare del tempo.